Il Superbonus consentirà alle imprese di beneficiare di un flusso aggiuntivo di domanda. Una detrazione superiore al 100% sui lavori di ristrutturazione rappresenta una novità assoluta nell’ordinamento italiano, e consentirà di rilanciare un settore chiave della nostra economia.

Grazie all’innalzamento della detrazione al 110%, all’introduzione dell’opzione dello sconto in fattura e della cessione del credito, nonché alla possibilità di trasferire il credito anche agli istituti di credito, tutte le imprese, anche le più piccole, potranno cedere il credito d’imposta a terzi a prezzi sostenibili. Tutti i più importanti istituti di credito si sono già mossi per offrire sul mercato prodotti per l’acquisto dei crediti d’imposta, sia rivolti al privato cittadino che alle singole imprese. Sono stati, inoltre, predisposti anche prodotti di finanziamento per sostenere il costo dei lavori, in attesa che venga riconosciuto il credito d’imposta dall’Agenzia delle Entrate.

In caso di sconto in fattura, infatti, l’impresa si vedrà riconosciuto il credito d’imposta già a partire dal giorno 10 del mese successivo alla corretta ricezione da parte dell’Agenzia della comunicazione. L’impresa potrà utilizzare il credito per pagare meno imposte nei successivi anni, qualora decidesse di utilizzarlo direttamente in compensazione. Alternativamente, potrà decidere di cederlo e ottenere immediatamente la liquidità necessaria.

Inoltre, la possibilità di vedersi riconosciuto il credito d’imposta anche su fatture emesse a stato avanzamento lavori permetterà all’impresa, che ha effettuato lo sconto in fattura, di poterlo immediatamente cedere e ottenere così la liquidità in tempi più rapidi.